Home


Perché questo album di sole covers?
Casualità, nel senso spirituale e divino del termine. Volevo vedere come i testi di altri artisti suonano in me. Nel momento in cui ho accettato di incidere per la Columbia Records, avrei dovuto far uscire un album di inediti e uno di cover. Credo che questo album sia arrivato proprio al momento giusto.

Quale cover senti più vicina a te?
Senza dubbio “Everybody wants to rule the world”: rispecchia molti dei miei pensieri e delle mie opinioni.

Come vengono presentate all’interno del tour?
Principalmente attraverso uno show sempre differente e nuovo, essendo questo tour la celebrazione della mia storia e della storia del rock’n’roll.

Qual è il bis che presenti maggiormente in queste date?
Rock’n’roll Nigger”.

Che significato c’è in questa scelta?
Innanzitutto che non si deve mai smettere di lottare per abbattere le barriere che ancora dividono il mondo. Prendiamo per esempio gli Stati Uniti: abbiamo vissuto l’esperienza del Vietnam, avremmo dovuto imparare molto, ma poi con Bush in Iraq la storia si è ripetuta. Per uscire da questo meccanismo, l’unica possibilità è di rieducarci continuamente e costantemente.

Il tuo tour prevede diverse tappe in Italia. Come ti senti quando vieni a cantare in questo paese?
Io amo e ho sempre amato l’Italia. Da giovane ho sempre vissuto in quartieri italiani e ho imparato a conoscere il vostro paese direttamente dalla bocca della gente e non attraverso tv o riviste. Vedo l’Italia come un luogo ricco di persone di grande intelligenza e con un bel senso dell’humor. E tutto ciò mi ha sempre fatto lavorare bene!

È vero che hai lavorato con i tuoi figli? Credi che seguiranno le tue orme?
Sì e mi ha entusiasmato molto. Mio figlio è in tour con me e suona la chitarra. Non credo abbiano il desiderio di intraprendere una carriera nel rock, ma se volessero li sosterrei dicendo loro di fare al meglio il proprio lavoro. L’unica cosa che sogno per loro è che siano felici.

Il sociale è un settore in cui tu hai speso molte delle tue energie. Come pensi si possano combattere violenza, guerra e morte?
L’unica risposta che posso dare è: sii te stesso e svolgi bene il tuo compito. Ci si vergogna di ciò che accade, ci si arrabbia. Ma ognuno ha il dovere di essere comunque positivo e di non lasciarsi travolgere dalla paura.

E che ne dici della tanto criticata globalizzazione?
Credo che la tecnologia ci stia offrendo, oggi, la possibilità di unirci come unico popolo globale, boicottando le corporazioni industriali che inquinano e tutte quelle che non sono al servizio della gente.

Dunque come ti poni di fronte al futuro?
Decisamente ottimista, perchè ho fiducia nella gente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...